Inizio Forum
 Religioni - Spiritualità
 Indusimo
 Bhadavad Gita, capitolo 12o
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore  Discussione Discussione Successiva  

deoris
DeOrIs

Angel eternal
Città: .....


1432 Messaggi

Inserito il - 23/01/2013 : 08:51:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
COS'E' VERA DEVOZIONE?





E' il PURO AMORE che concede la LIBERAZIONE.



E' AMORE OLISTICO.



La Vera Devozione (Bhakti) è una pratica spirituale basata sull'AMORE.



Devozione non significa semplicemente cantare bhajans o compiere rituali sacri.



VERA Devozione è far scorrere direttamente ed incondizionatamente AMORE dal CUORE a DIO.



Offrire l'AMORE a Dio privo della più piccola traccia di egoismo e desiderio, è DEVOZIONE,



l'annientamento del desiderio è LIBERAZIONE.











#2960; VIVERE PER DIO E' VERA DEVOZIONE - Baba #2960;













Questa che segue è la traduzione di Swami del dodicesimo capitolo della Gita che dette nel 1984,raccomandandoci



di memorizzarlo, di prestare grande attenzione a ciò che vi viene detto



e di mettere questi versi in pratica nelle nostre vite."







Swami nei Suoi Discorsi ha più volte ripetuto che AMARE DIO E' IMPORTANTE



ma che E' ancora PIU' importante RIUSCIRE a FARSI AMARE da LUI.





Questo dodicesimo capitolo illustra le QUALITA' che il DEVOTO deve possedere per essere 'CARO A DIO'.





#2960;







"Bhakti Yoga"







IL SENTIERO DELLA DEVOZIONE





1) Arjuna chiese: "Mio Signore, fra coloro che ti amano come Signore dell'Amore e quelli che ti cercano come Realtà Senza Nome e Senza Forma, quale strada è più sicura e veloce, quella dell'AMORE o quella della CONOSCENZA?"







2) Il Signore Sri Krishna rispose: "Per coloro che stabiliscono i loro Cuori su di Me e Mi adorano con Devozione e Fede impeccabili, la VIA dell'AMORE conduce sicuramente e velocemente a Me.







3) Coloro che cercano la Realtà Trascendente, Immanifesta, senza nome e senza forma, al di là della portata dei sentimenti e dei pensieri,







4) con i sensi soggiogati, la mente calma e che desiderano il Bene di tutti gli Esseri, invero anch'essi arriveranno a Me,







5) ma lento e rischioso è il sentiero dell'Immanifesto, difficile da percorrere per l'uomo incarnato.







6) Ma coloro per i quali Io sono la Meta Suprema, coloro che compiono tutte le attività RINUNCIANDO a se stessi per Me e che meditano su di Me con Devozione Totale







7) verranno salvati da Me rapidamente, [tirati fuori] dal ciclo delle nascite e delle morti [e portati] alla pienezza della Vita Eterna in Me.







8) Rendete quieta la vostra mente in Me, siate silenziosi in Me e senza dubbio diverrete UNO con Me, il Signore dell'AMORE che dimora nei vostri Cuori.







9) Se non riuscite a rendere silenziosa la vostra mente, allora imparate a farlo mediante la pratica della meditazione.







10) Se vi manca la Volontà per perseguire tale disciplina, impegnatevi nel Servizio disinteressato [rivolto] a tutti coloro che vi sono intorno, perché tale servizio alla fine conduce a Me.







11) Se non riuscite a fare neppure questo, arrendetevi a Me nell' AMORE , ricevendo con la stessa calma il successo ed il fallimento, in quanto entrambi vi sono stati dati da Me.







12) La CONOSCENZA è comunque sempre meglio di una pratica meccanica. Ancor migliore però è la Meditazione. Ma ancora migliore è l'Abbandono nell'AMORE, perché a questo fa seguito immediatamente la PACE.







13) Io AMO chi è incapace di odiare e ricambia l'odio con l'AMORE; chi vive al di là della portata dell' 'io' e del 'mio', del piacere e del dolore.







14) Colui che è contento, che sa controllarsi, che è fermo nella fede ed abbandonato a Me con tutto il Cuore e con tutta la mente: questi mi è caro.







15) Egli non provoca agitazione nel mondo e non ne viene agitato, è al di sopra dell'esultanza, della competizione e della paura, accetta la vita, nel bene e nel male, così come viene.







16) Egli è PURO, Efficiente, Distaccato, pronto a soddisfare ogni Mia richiesta. È un Umile Strumento del Mio lavoro.







17) Mi è caro colui che non corre dietro alle cose piacevoli e non fugge davanti al dolore, non si rattrista pensando al passato, non desidera niente, colui che lascia che le cose vadano e vengano e succeda quel che succeda.







18-19) Chi serve sia l'amico che il nemico con pari AMORE, senza esaltarsi per la lode né deprimersi per il biasimo, equanime nel caldo e nel freddo, nel piacere e nel dolore, libero da attaccamenti egoistici e senza una propria volontà, ovunque in armonia e saldo nella fede: questi Mi è caro.







20) Ma più cari di tutti Mi sono coloro che Mi cercano con AMORE e FEDE, quale Eterna Meta della Vita. Essi vanno al di là della morte, nell'Immortalità."







[Bhadavad Gita, capitolo 12o - Bhakti Yoga]




   Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Fratellanza Bianca Universale © Angelinet.com 2015 Torna all'inizio della Pagina
Powered By: Angelinet 2005 (Snitz Forum)