Inizio Forum
 Guarigione
 Come sono guarito/a da....
 Il significato del dolore nella vita terrena.
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

stellalucente
Osservatore silenzioso

Stellalucente

Regione: Umbria
Prov.: Terni
Città: Terni


11 Messaggi

Inserito il - 23/02/2005 : 21:37:33  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di stellalucente
Il dolore che sperimentiamo nella vita terrena é tutto "male", "incomprensibile" o può, invece, rivelarsi una via, seppur indiretta, per aiutarci a comprendere meglio dove stiamo andando e perchè?
Credo che tra i dolori più profondi che l'uomo sperimenta, quello che maggiormente lo porta a riflettere sul significato della propria vita, sia quello che lo pone di fronte alla propria malattia o a quella di una persona cara.
Succede, infatti, quando un altro essere umano stà soffrendo, sia per problemi fisici che per disagi interiori, che anche il nostro cuore partecipi a questo dolore; inizialmente sembrano affacciarsi mille soluzioni ai vari problemi, ma quando questi persistono, un senso di scoraggiamento ed impotenza sembra impadronirsi di noi.
Come possiamo aiutare noi stessi e sostenere chi ci stà a cuore in questo delicatissimo momento della vita?
E per quale motivo tutto questo dolore, tutto questo soffrire in questa breve, ma anche troppo lunga vita?
Mille interrogativi. Non si trovano risposte che leniscano il cuore nè che plachino la mente.
Forse c'è bisogno di "andare oltre". Ma è davvero tutto "negativo" quello che stà accadendo oppure questi eventi nascondono in sè un significato, un messaggio nascosto che è lì per essere rivelato?
A questo punto possiamo chiederci se siamo tutti vittime di un destino crudele di cui tutti prima o poi prendereno parte o, invece, siamo anche noi artefici del nostro dolore anche a causa della nostra inconsapevolezza.
Riuscire noi in prima persona ad accettare la nostra e l'altrui sofferenza per uno scopo apparentemente oscuro è impensabile; eppure è possibile.
Il dolore non è niente altro che un invito a non rimanere intrappolati, cristallizzati in schemi di pensiero e di comportamento che ormai non ci appartengono ma a cui non sappiamo reagire; é uno stimolo, forse anche violento, verso una comprensione di noi stessi, dei nostri attaccamenti e pregiudizi che ci limitano e creano separazione.
Osserviamo la nostra mente, i mille giudizi, ma ancor più ascoltiamo il nostro cuore; é attraverso il suo calore e la sua capacità di accogliere che troveremo l'amore di cui abbiamo tanta nostalgia ed é qui che il suo calore saprà dissolvere ogni dolore.
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Fratellanza Bianca Universale © Angelinet.com 2015 Torna all'inizio della Pagina
Powered By: Angelinet 2005 (Snitz Forum)