Inizio Forum
 Conoscenze interiori
 Virtù
 Il Perdono
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente
Autore Discussione Precedente Discussione 
Pagina: di 2

Piccolo Principe
ASLAN

Piccolo Principe vola



3730 Messaggi

Inserito il - 24/04/2006 : 19:55:36  Mostra Profilo
quando si fa del male a qualcuno,
volontariamente o involontariamente,
se davvero la spiritualità e l'amore non
sono chiacchiere da salotto,
è un dovere ( se "sentito col cuore" ),
chiedere perdono.

Tante volte purtroppo è difficile ritrovare i contatti con la persona offesa, o con la persona che ci ha offesi.
Certamente in quei casi si può chiedere l'intercessione dei Santi o
degli Arcangeli per perdonarsi e perdonare.
Ma quando è realmente possibile rivolgersi direttamente alla persona,
perdonare è il regalo più miracoloso e puro che si possa fare.

Cercare di raggirare questo gesto con escamotage rivestite di spiritualità, soddisfa solo chi crede di poter trarre
autostima e purificazione, ingannando il Signore.

Le vie dell'Amore non sono facili quando si fa sul serio.
Queste vie, se seguite spontaneamente, anche con sacrificio,
rendono degno l'Uomo di essere felice e in Pace.






Torna all'inizio della Pagina

opale
onda tenue

opale


Regione: Lombardia
Prov.: Bergamo
Città: bergamo


648 Messaggi

Inserito il - 24/04/2006 : 21:25:25  Mostra Profilo
Citazione:
Cosa è il Perdono?

IO PERDONO!;quindi faccio un azione che innesca la mia volontà ad esprimere il suo essere positiva ad aspetti della mia esistenza che vengono turbati.
Nell'atto di perdonare accetto l'altro come peccatore,quindi come persona temporaneamente caduta nel peccato.
Nell'accettare ciò,automaticamente si apre a mè la visione di cosa può essere bene o male per mè.
Agisco quindi per il proseguo della mia esistenza in volontaria sintonia con gli altri,ritenendo il mio gesto effettuato con discernimento,responsabilità,il che dovrebbe portarmi a non commettere lo stesso peccato.
Citazione:
Realmente si perdona?

Subitaneamente si compie un disegno psicologico che prevede la tranqillità personale propria ed altrui,il perdono reale secondo mè,viene col passare del tempo,quando si è somatizzato l'evento negativo,e con l'alternarsi di esperienze più o meno positive si interiorizza il passato con la pace interna del nostro essere.
Citazione:
Come Perdonare?

Ponendo la nostra mente alla visione di Gesu,al proseguo della nostra esistenza dettataci dall'esempio di Gesu,e cofidando nella grazia.
Citazione:
Come discernere il vero Perdono?

Non hò capito se intendi il nostro perdonare od il perdono acconsentitoci da altri.
Citazione:
Cosa innesca il perdono sui corpi sottili, e
cosa accade intorno a chi lo dona e chi lo riceve?

Mi trovo in sintonia con quanto ha detto MANOBIANCA,luce ed energia positiva che si sprigiona da noi,e che si riflette.

Immagine:

2,26 KB

Non di solo pane vivrà l'uomo ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Torna all'inizio della Pagina

onirica.parabola
...donando un sorriso

amicizia innocente



1046 Messaggi

Inserito il - 24/04/2006 : 21:37:14  Mostra Profilo
bello ...questo parlare...
adesso pongo a voi io una domanda.
E se l'offesa è subita da un innocente che non ha potere di difendersi?
Cosa è necessario, perdono o giustizia?

Vi chiedo scusa se sono triste, ma sto elaborando parecchie cose della mia vita e non sono sufficientemente serena nell'affrontare questo argomento.
Una cosa è certa...e parlo in prima persona, è dura passare al crogiuolo.
La purificazione del cuore è veramente una cosa seria, passare dal piombo all'oro, senza l'aiuto della Grazia è veramente arduo!!!!
Senza fare vittimismo alcuno o sentirmi migliore....ma proprio per non fare discussioni da salotto, credo che prima che si rimargino ferite che sanguino, credo che la giustizia esiga riparazione del torto.Specie se a subirle sono persone care ed indifese.
Mi sono chiesta mille e mille volte se ad innescare questo circuito carmico possa essere stata io, ho elaborato anche molti vissuti corregendo il tiro.
Ma questo non è sufficiente, non è neppure sufficiente attraversare il dolore.
Ho compreso che tutti, me per prima, siamo perfettibili e limitati.
Ho elaborato e giustificato nel silenzio dell'anima tante cose.
Cos'altro fare...ho chiesto aiuto a Santi e all'arcangelo Michele.
Bene detto questo, se l'altro continua ad infierire è lecito e doveroso perdonare?
Credetemi non trovo risposta.
La mia umanità in alcuni momenti vorrebbe sottrarsi e scappare, ma resto fedele a Cristo e nessuno riesce a schiodarmi da accanto a Lui.
Ed è proprio questo stare "inchiodata"( nel senso obbediente) sapere che solo l'obbedienza è l'arma vincente, diventa la ragione della mia Speranza.
E' la ragione della mia fede.
Torna all'inizio della Pagina

Angelo
AI PIEDI DEL MAESTRO


Regione: Piemonte
Prov.: Torino
Città: Torino


1559 Messaggi

Inserito il - 24/04/2006 : 21:37:49  Mostra Profilo
Citazione:
Messaggio inserito da Piccolo Principe

quando si fa del male a qualcuno,
volontariamente o involontariamente,
se davvero la spiritualità e l'amore non
sono chiacchiere da salotto,
è un dovere ( se "sentito col cuore" ),
chiedere perdono.

Tante volte purtroppo difficile ritrovare i contatti con la persona offesa, o con la persona che ci ha offesi.
Certamente in quei casi si può chiedere l'intercessione dei Santi o
degli Arcangeli per perdonarsi e perdonare.
Ma quando è realmente possibile rivolgersi direttamente alla persona,
perdonare è il regalo più miracoloso e puro che si possa fare.

Cercare di raggirare questo gesto con escamotage rivestite di spiritualità, soddisfa solo chi crede di poter trarre
autostima e purificazione, ingannando il Signore.

Le vie dell'Amore non sono facili quando si fa sul serio.
Queste vie, se seguite spontaneamente, anche con sacrificio,
rendono degno l'Uomo di essere felice e in Pace.



Il desiderio della riparazione è sempre ripagato,perchè il desiderio nasce da un puro sentimento d'Amore,e d'umiltà,e certamente,questo desiderio che è anche preghiera sarà data una risposta.I tempi di DIO non sono i nostri,e spesso essi sembrano una eternità,ma questa eternità serve a far maturare il frutto puro profumato della fratellanza,e perdono.

Immagine:

64,26 KB







Sairam
Torna all'inizio della Pagina

onirica.parabola
...donando un sorriso

amicizia innocente



1046 Messaggi

Inserito il - 24/04/2006 : 22:05:25  Mostra Profilo
Quanto è vero questo tuo pensiero, Angelo!!!!

Grazie mi hai dato un senso all'attesa dei tempi di Dio.
Serve per far maturare!
Grazie
Torna all'inizio della Pagina

cigno54
ritrovare i sussurri

Cigno


Regione: Italy


420 Messaggi

Inserito il - 25/04/2006 : 12:09:14  Mostra Profilo
penso che il pensiero del nostro Papa Karol, pur nella sua forma concisa, spieghi largamente il perdono, nella sua forma più alta.

Dio solo è la verità assoluta. Ma Egli ha aperto il cuore umano al desiderio di verità, che poi ha rivelato pienamente nel Suo Figlio incarnato.
Perciò noi siamo tutti quanti chiamati a vivere la verità.
Laddove vengono seminate bugie e falsità, fioriscono il sospetto e la divisione. Il perdono, lungi dall'impedire la ricerca della verità, in realtà la richiede. Il male che è stato compiuto deve essere riconosciuto e corretto per quanto possibile.
Il perdono, nella sua forma più alta e sincera, è un libero atto d'amore. Ma proprio perchè è un atto d'amore, ha le sue esigenze intrinseche, la prima delle quali è il rispetto della verità.

Giovanni Paolo II - Aprite i vostri cuori - 100 insegnamenti per la vita.

Cigno54



Torna all'inizio della Pagina

Piccolo Principe
ASLAN

Piccolo Principe vola



3730 Messaggi

Inserito il - 25/04/2006 : 13:50:35  Mostra Profilo
Citazione:
E se l'offesa è subita da un innocente che non ha potere di difendersi?
Cosa è necessario, perdono o giustizia?


Ciao Nietta, vorrei dirti tante cose su questi angoli di vita...
Alla tua domanda, cigno54 ha riportato un pensiero
di San Wojtyla che è molto efficace.

Provo ad aggiungere anche le mie riflessioni:

credo siano necessarie entrambe le cose, cercando di compierle con
purezza e sincerità.

Il Perdono è davvero molto difficile, ma è un passo obbligato per raggiungere altre soglie;
necessita di un alleato indispensabile:
la Pazienza con la perseveranza nel giusto:

questo darà come risultati l'equilibrio.
Da questo stato può sorgere la Giustizia che porta alla pace
e alla guarigione.

E' umano, comprensibile e forse anche didatticamente lecito,
che le fasi iniziali della giustizia, siano accompagnate
dalla rabbia, dal dolore per i torti subiti, e quindi di conseguenza
da azioni personali molto forti per dimostrare la verità.

Azioni personali che possono entrare anche in conflitto con
la lungimirante e perfetta Giustizia divina.
Grazie al Cielo, i Suoi esecutori, (gli Angeli) sono misericoriosi quanto il Padre, e comprendono, con pazienza...

Comprendono anche perchè, nei limiti del possibile,
lottare e combattere con forza, affrontando anche la propria
rabbia, è un percorso giusto, che aiuta se stessi a scaricare
energie basse fuori controllo, a comprendere quanto siano nocive.

Aiuta anche chi ha commesso i torti, facendogli capire che non è
tutto concesso....Che ha sbagliato...

Questo rientra nel Saggio proverbio: "Aiutati che Dio ti Aiuta".

Detto questo non si deve infierire e lasciarsi accecare dal senso
personale di giustizia.
Vincere sì, ma stravincere e infierire, inverte i ruoli,
e rende le future conseguenze assai più pesanti.

Vincere come? la Vittoria finale è sempre e solo la PACE fra le parti.

Ritornando alla giustizia personale, credo sia un percorso,
che se affrontato cercando di non esagerare, possa condurre
all'intimo desiderio del Perdono, quindi
della comprensione del senso della Giustizia divina.

Una Giustizia, quella divina che è l'unione di Saggezza e Comprensione:
mai per ferire, e mai per dimenticare....
Giustizia misericordiosa.ì, dotata di Intelligenza del Cuore.

Giustizia per far "Conoscere" a chi ha sbagliato e a chi ha sofferto
per gli sbagli altrui... Giustizia che conduce alla Bellezza.


E' giusto lottare per raggiungere queste sfere....
Lottare anche con azioni personali, ma come detto in precedenza,
senza esagerare, senza perdere il controllo, o se lo si perde, riconoscendolo e facendo dei passi indietro...

Quanto è umile, dolce e saggio fare dei passi indietro....

Ma come arrivare a tutto questo, quando dolore, rabbia, e reali ingiustizie subite, ci rendono lontani dalla serenità?

Per esperienza personale, non è possibile affronatare questi
inferni da soli.
Dal lato umano fa bene avere anche poche persone vicine, che ci donino consolazione e affetto, senza fomentare odio e
sensi di giustizia fai da te.
Dal lato spirituale (il vero cuore della soluzione),
è assolutamente indispensabile fare intercedere San Michele e
invocare con grande spirito interiorizzato, l'Energia Cristica.

Qui devo fare una precisazione importante:

non si chiede l'intercessione dell'arcangelo Michele, pensando alla sua spada che trafigge, alla sua potente giustizia, orientando questi suoi poteri "contro" il carnefice...
O vedere la "Croce", come un vessillo per umiliare chi sbaglia,
per affermare la propria appartenenza a Gesù Cristo.
Il concetto da evitare (pena catastrofi ancor più grandi), è di
invocare i giganti di Dio, come se fossero l'arrivo della cavalleria,
il supporto aereo e l'artiglieria...

No...

I veri responsabili che stanno dietro le quinte di tante tragedie
emotive, sono i demoni, foraggiati dalle nostre paure, egoici
desideri, dolori non affrontati, impazienze, e bassi istinti.
Certo noi poi scegliamo...

Ma sia tu che chi ti ha usurpata, siete vittime dello
stesso braccio.

L'Arcanglo Michele e l'Energia Cristica (Christos), vanno invocati
orientando i canali verso il carnefice:

ossia pregare per chi ci ha fatto del male, per il suo bene,
per la sua guarigione e perchè la Pace e l'Amore, attraverso il Maestro Gesù, entrino nel suo Cuore.
solo così si sconfigge il male alla radice, si chiaccia il serpente sotto i Piedi dell'AMORE.

E' preferibile fare queste cose in luoghi sacri, magari santuari
ancora incontaminati dalla cupidigia ecclesiastica.
In questi luoghi (ognuno ha il suo), la comunione con
lo Spirtio Santo diventa possibile e miracolosa.


Facile a dirsi, difficile farsi?

Gesù dice:

"Non ho mai detto che sarebbe stato facile, ma ho detto che ci sareste arrivati"

Armati di pazienza e se posso darti un consiglio:

accontentati di quello che di volta in volta la vita ti offre.

Ti accarezzo il cuore.

Torna all'inizio della Pagina

onirica.parabola
...donando un sorriso

amicizia innocente



1046 Messaggi

Inserito il - 25/04/2006 : 19:12:25  Mostra Profilo
grazie Fabrizio ( mio caro compagno di viaggio)
Torna all'inizio della Pagina

opale
onda tenue

opale


Regione: Lombardia
Prov.: Bergamo
Città: bergamo


648 Messaggi

Inserito il - 26/04/2006 : 00:48:29  Mostra Profilo
NON Hò PAROLE

Non di solo pane vivrà l'uomo ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 2 Discussione Precedente Discussione   
Pagina Precedente
 Nuova Discussione  Discussione Bloccata
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Fratellanza Bianca Universale © Angelinet.com 2015 Torna all'inizio della Pagina
Powered By: Angelinet 2005 (Snitz Forum)